Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie dalla Città Emodinamica a Olbia: la consegna del laboratorio entro la fine del 2010

Emodinamica a Olbia: la consegna del laboratorio entro la fine del 2010

E-mail Stampa PDF
aslhomeEmodinamica a Olbia: si parte coi lavori. Nei giorni scorsi la direzione aziendale della Asl di Olbia, guidata dal commissario Giovanni Antonio Fadda, dal direttore amministrativo Mario Altana e dal direttore sanitario Maria Serena Fenu, ha firmato il contratto che affida ad un Raggruppamento temporaneo di imprese la costruzione e la gestione del reparto di emodinamica del Giovanni Paolo II.


asl01In seguito al via libera della Regione Sardegna è stato possibile concludere l'iter per l'aggiudicazione della gara d'appalto comunitaria per l'Emodinamica gallurese, la quale prevede la realizzazione e gestione, per un periodo di cinque anni, del laboratorio di emodinamica. Sarà un raggruppamento temporaneo di impresa, composto da Medical spa e Kardia srl, a realizzare e gestire, per un periodo di cinque anni, il laboratorio di emodinamica. Il costo complessivo dell'intervento è di 8.751.850 €, dilazionati in cinque anni. La Asl di Olbia sino al 2009 ha speso circa 1milione e 800 mila euro all'anno per la mobilità passiva, cioè quei galluresi che, per interventi di emodinamica, si sono dovuti rivolgere ad altri territori. Per il 2010 la Asl ha stimato che arriverà a pagare oltre 2 milioni e mezzo di euro. Con questo progetto l'Azienda sanitaria spenderà 1 milione e 700 mila euro all'anno per realizzare in città un laboratorio di Emodinamica in grado di garantire 600 interventi tra angiografia coronarica e angioplastica. La gara d'appalto europea, bandita il 29 dicembre 2009, prevede la fornitura di tutte le apparecchiature, l'allestimento dei locali comprensivo di arredi, la manutenzione Full Risk di tutto il reparto, le apparecchiature e anche l'assicurazione per danni a terzi e la gestione del magazzino. Entro qualche settimana partiranno i lavori. "I pazienti cardiologici e le loro famiglie potranno contare su un laboratorio di ultima generazione per poter effettuare interventi tempestivi e appropriati senza doversi allontanare dalla città. In questo modo andremo ad aumentare la sicurezza dei pazienti e della popolazione, con la riduzione del pendolarismo cardiologico e la riduzione delle liste d'attesa", hanno spiegato il commissario Giovanni Antonio Fadda, il Da Mario Altana e il Ds Maria Serena Fenu. La consegna dei lavori è prevista per la fine del 2010, sono infatti cinque i mesi (150 giorni) necessari per la realizzazione del servizio con la formula, prevista dal disciplinare di gara, "chiavi in mano".