Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie dalla Città Inaugurata la 5ª edizione della rassegna "Nuraghi e dintorni"

Inaugurata la 5ª edizione della rassegna "Nuraghi e dintorni"

E-mail Stampa PDF
nuraghidintornihomeInaugurata al Museo Archeologico la 5ª edizione della rassegna "Nuraghi e dintorni", organizzata dall'associazione culturale "Sa Testa", presieduta da Nino Fancello, con il sostegno del Comune di Olbia e della Provincia. Spettacolare l'impatto con le esposizioni allestite nelle varie sale. Di altissimo livello le opere dello scultore Ugo Cossu nel segno dell'essenzialità e della potenza espressiva.


nuraghidintorni02Emozionanti le "Fantasie nuragiche" di Salvatore Sechi (Degonare): ancestrali figure litiche di dee madri, schiere bronzee d'armati, donne ammantate, animali e navicelle si fondono, in libera interpretazione, a evocare scenari monumentali e vicende di vita quotidiana, guerriera e rurale, delle genti nuragiche. Fino a domenica 23 maggio (dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 22) è possibile visitare, con l'accompagnamento musicale live dei "Nati Strani", anche le altre mostre allestite al Museo. Questo è l'elenco: le fotografie (Pedras 'e Lughes) di Time Trip Projet; la tessitura di Veronica Usula (Trame scritte da un linguaggio dimenticato); la NuragicART con i disegni realizzati dai bambini. Interessanti anche i lavori di Battistina Casula e le riproduzioni in miniatura dei monumenti nuragici che rendono ancora più stimolante la 1° fiera del turismo neolitico e nuragico ospitata al piano terra del Museo. Qui sono sistemate le postazioni di dieci cooperative ed associazioni che gestiscono siti archeologici in tutta la Sardegna. Il programma della Rassegna è stato illustrato dalla giornalista Daniela Astara. Sono seguiti gli interventi di Nino Fancello, del sindaco Gianni Giovannelli e dell'assessore alla Cultura Vanni Sanna. Gli amministratori comunali hanno ribadito l'importanza di una manifestazione che ha un duplice obiettivo: accrescere la consapevolezza della propria identità attraverso la valorizzazione di radici e tradizioni spesso offuscate dai pregiudizi e dalla mancata conoscenza di un patrimonio di eccezionale spessore e valore.


nuraghidintorni03Tra i protagonisti di "Nuraghi e dintorni" (alle ore 10 di venerdì, sabato e domenica) c'è il Maestro Chiara Vigo, unica in Europa ed una delle poche al mondo che ancora tesse la cosiddetta "seta di mare", carismatica depositaria di una tradizione ancestrale, ricca di misteri e di segreti. Per venerdì 21 maggio, alle ore 9.30, è stata organizzata, in collaborazione con la Cooperativa Iolao, una escursione per le scolaresche alla Tomba dei Giganti "Su monte de s'Abe", con gli asinelli dell'associazione "Asini si nasce ... e io lo nakkui". Domenica 23, alle ore 18.00, sempre in collaborazione con la Cooperativa Iolao, al Pozzo Sacro "Sa Testa", si terrà una performance di Giancarlo Murranca e Grazia Dentoni, dal titolo "Suspu mudu". Tutti i giorni, al parco fluviale del Padrongianus, dalle 9 alle 14, è visitabile l'esposizione del progetto "Il Nuraghe tra realtà e fantasia", ideato e realizzato dalla scuola primaria di Rudalza. Sempre al parco del Padrongianus sono aperti i laboratori di archeologia speramentale "Sa Rundine" per la manipolazione dell'argilla, la scheggiatura della pietra e accensione del fuoco, la lavorazione delle fibre vegetali e lo scavo archeologico simulato. Quest'anno, particolare attenzione è riservata alla scrittura e al linguaggio nuragico.


nuraghidintorni01Presentato stasera il libro di Maria Rita Piras, intitolato Archetipi e Memorie (scrittura arcaica, immagini e rappresentazioni del popolo sardo). Venerdì, sempre alle ore 20, il prof. Gigi Sanna parlerà del suo libro "La Stele di Nora. Il Dio, Il Dono, Il Santo". Sabato, alla stessa ora, spazio allo scrittore Gianfranco Pintore, autore del romanzo "Sa Losa de Osana". Prima di lui la scena sarà tutta per le Launeddas del M° Franco Melis che racconterà anche la storia e le origini di questo antichissimo strumento musicale. Domenica 23 maggio, alle ore 20.00, l'archeoastronomo Mauro Peppino Zedda presenterà il suo "Archeologia del paesaggio nuragico".